Log In

Stime Ciset,il quadro del movimento turistico è positivo

Grazie al TRIP, il Modello di Previsione dei flussi turistici internazionali elaborato da Ciset-Ca’ Foscaridue volte l’anno (a maggio, edizione primaverile e novembre, edizione autunnale),  si disegna un quadro positivo  relativo ai flussi turistici  per i prossimi mesi. MONDO – Sul fronte mondiale, le previsioni per il biennio 2016-17 si mostrano positive  soprattutto per i flussi incoming, sostenuti dal movimento extraeuropeo. Il 2015 ha registrato un +4,3% degli arrivi internazionali, corrispondente ad un aumento assoluto di 50 milioni rispetto all’anno precedente, e decisamente superiore alla dinamica di lungo termine 2010-2020, stimata pari al +3,8% medio annuo. Altrettanto positivi sono i segnali di inizio 2016: le prime stime indicano infatti un +5,1% del movimento internazionale complessivo, trainato dalle economie avanzate che, con un +6,2%, rafforzano il loro peso sul mercato turistico globale, rappresentandone il 54,7%. In questo contesto, il Nord America sembra allinearsi al trend medio globale (+5,1%), l’estremo oriente cresce a circa il +8%, mentre l’Europa si attesta intorno al +4,2%. Per quanto riguarda il dettaglio del turismo europeo, le prime indicazioni segnalano tassi di crescita compresi tra il +0,4% dell’Europa Occidentale e il +11,3% del Nord Europa, con un promettente +6% per l’area Mediterranea. Sulla dinamica dei paesi emergenti (+4,1%) agiscono due tendenze opposte, da un lato il recupero stimato per l’area Asia Pacifico (+8,3% a inizio 2016, contro 5,4% nel 2015), le confermate performance dell’area Caraibica (+7,2%) e il buon avvio per le destinazioni sud americane (+10,3%); dall’altro, il crollo del Medio Oriente (-10%) e l’acuirsi della crisi nel Nord Africa (-6% a inizio 2016 che si somma al -7,7% nel 2015).
A fronte di questi primi risultati, l’Organizzazione Mondiale del Turismo conferma così anche per il biennio 2016-2017 il consolidamento delle performance positive del settore. I drammatici eventi di Parigi e Bruxelles, le condizioni “off limits” del Medio Oriente e del Nord Africa, dunque, non incideranno sulla dinamica complessiva, ma potranno influire sulla redistribuzione dei flussi tra le diverse destinazioni, come le prime stime per l’Europa dimostrano.Entro la fine del biennio, comunque, il movimento turistico mondiale dovrebbe raggiungere il miliardo e 300 milioni di arrivi.Anche per la spesa sono in generale previste variazioni solo di poco inferiori alla dinamica dei flussi, grazie a una sostanziale tenuta della propensione media a spendere per la vacanza.

ITALIA-
Per quanto riguarda l’italia,  si prevede un rafforzamento del recupero già avviato nel precedente biennio con un +3,3% per il 2016, e un +3,6% nel 2017. Guardando alle diverse aree di provenienza dei flussi, le principali tendenze della domanda turistica internazionale verso l’Italia sono le seguenti:

* L’area che raggruppa i paesi extraeuropei è contraddistinta da un buon incremento nel 2016 (+5,3%). Gli arrivi dagli Stati Uniti, che rappresentano più della metà dei flussi di questo raggruppamento, dovrebbero registrare un aumento del +8,4%. I flussi dal Giappone dovrebbero segnare quest’anno un trend positivo (+0,7%), lievemente superiore alla dinamica delle partenze. Dal prossimo anno dovrebbe manifestarsi un consolidamento del recupero.

Il 2017 registrerà un ulteriore incremento dei flussi dai paesi extraeuropei con un tasso di crescita del +5,0%.

* I paesi dell’Europa Centrale rimangono il principale mercato di origine per l’Italia rappresentando, con oltre 20 milioni di arrivi, circa la metà dei flussi dai principali paesi. L’area mostrerà un andamento leggermente inferiore alla media nell’anno in corso (+2,0%); la crescita prevista per il 2017 sarà lievemente inferiore (+1,4%). Significativa la dinamica dei flussi tedeschi, previsti al +1,9% e +1,3% nei due anni.

* I flussi provenienti dai paesi dell’Area Mediterranea fanno registrare un debole incremento nel 2016 (+1,5%); la crescita risulterà pressoché identica nel 2017. In questo caso incide la situazione economica critica di Grecia, Spagna e Portogallo. La Francia, che con quasi 4 milioni di arrivi assorbe i due terzi dei flussi dall’area, mostra un andamento inferiore alla media.

* I paesi del Nord Europa, che con oltre 5 milioni di arrivi rappresentano, dopo l’area mediterranea, il mercato di origine meno consistente per il nostro paese, si caratterizzeranno per dinamiche positive dei flussi verso l’Italia sia nel 2016 che nel 2017  (+2,8% e +2,1% rispettivamente).  Il Regno Unito (che con 3 milioni di arrivi rappresenta circa i due terzi dei flussi totali dall’area, nonché il quarto mercato europeo in termini di importanza), sarà contraddistinto da un trend di crescita inferiore alla media (+2,1% e +1,4% rispettivamente).

 PARTENZE DALL’ITALIA- Le partenze internazionali dall’Italia verso i principali paesi supereranno nel biennio i 24 milioni, con tassi di incremento del +2,7% e +3,0% rispettivamente.

* Superiore alla media sarà la crescita dei flussi diretti verso l’Area Mediterranea (+2,8%). Le destinazioni mediterranee assorbono più della metà del totale dei flussi in partenza dal nostro paese. Mediamente più dinamico il movimento verso la Francia primo mercato di destinazione per il nostro paese con oltre 8 milioni di partenze nel 2016.

* L’Europa Centrale mostrerà una crescita inferiore alla media nel biennio con tassi pari a +2,1% e +2,4% nei due anni.

* Il Nord Europa sarà contraddistinto da un buon incremento nel biennio con tassi pari a +3,7% e +3,1% rispettivamente. Il Regno Unito rappresenta circa il 70% delle partenze verso l’area, e sarà caratterizzato da un  +3,7% nel 2016 e da un +2,6% nel 2017.

* Infine, i paesi dell’Extra Europa saranno caratterizzati da un andamento inferiore alla media (+1,3% nel 2016, +1,8% nel 2017). Tra le mete tradizionali d’oltre oceano, gli Stati Uniti registreranno un +2% circa entrambi gli anni.

Fonte: http://www.turismo-attualita.it/

wpa_off:
Parole chiave

Lascia un commento

I soci Nazionali FTO

Erv …

Gen 1, 2014

Paff…

Gen 1, 2014

AREA…

Mag 3, 2018

Amad…

Gen 1, 2014

WWF …

Ott 29, 2018

Ueve…

Gen 1, 2018

SIAP

Lug 10, 2018

Gatt…

Giu 11, 2018

HRS …

Gen 1, 2014

Duom…

Gen 1, 2018

Alba…

Mag 9, 2018

Prim…

Ott 6, 2015

Borg…

Gen 1, 2014

SEA …

Gen 1, 2015

Blue…

Gen 1, 2018

VENT…

Mag 16, 2018

GDSM

Gen 1, 2014

GATT…

Ott 6, 2015

Sett…

Mag 30, 2017

Frig…

Ott 6, 2015

Amer…

Gen 1, 2014

Worl…

Feb 14, 2019

Uvet…

Mag 30, 2017

Medi…

Mag 3, 2018

I Vi…

Lug 10, 2018

Mars…

Feb 14, 2017

Robi…

Lug 10, 2018

Kel …

Mag 3, 2018

SABR…

Mag 7, 2018

Trus…

Feb 19, 2019

Park…

Gen 1, 2014

Ital…

Mag 3, 2018

Rusc…

Gen 1, 2014

Zucc…

Giu 6, 2018

Brev…

Gen 1, 2014

Alli…

Lug 10, 2018

Uvet

Gen 1, 2014

Blue…

Mag 22, 2018

HD S…

Mag 7, 2018

Azem…

Mag 3, 2018

Air …

Feb 5, 2019

Mast…

Feb 4, 2019

Uvet…

Mag 30, 2017

JETP…

Mag 7, 2018

EURO…

Mag 7, 2018

Data…

Lug 10, 2018

LBS

Gen 1, 2014

Trav…

Lug 5, 2017

Turk…

Mag 3, 2018

UVET…

Ago 31, 2016

IXPI…

Gen 17, 2019